Cleaning 2.0 ovvero come fare le pulizie con lo smartphone

Cleaning 2.0 ovvero come fare le pulizie con lo smartphone

Proviamo a pensare ad alcuni dei problemi più comuni che accadono in ogni servizio di pulizie. Un operatore non viene a lavoro, ma nessuno passa a sostituirlo. Viene emessa fattura, ma le ore fatturate non combaciano con quelle lavorate. Arriva un’ispezione, ma le schede di sicurezza dei prodotti non si trovano. Cos’hanno in comune tutti questi problemi? Nessuno di questi si sarebbe verificato se il servizio fosse informatizzato.

Sembra strano sentire ancora parlare di informatizzazione nel 2017 perché è un processo ormai ben radicato in quasi tutte le realtà che ci circondano, ma da questo punto di vista sembra che il mondo del cleaning sia ancora immobile, analogico, con prassi e protocolli che sono gli stessi da sempre.

 

Eppure nel mondo dei servizi in outsourcing è in corso una trasformazione radicale; in alcuni ambienti è più evidente, come per esempio la logistica di magazzino. Pensate ad accettazione, stoccaggio, spedizione, inventario e mappatura. Tutte operazioni interamente informatizzate grazie alla lettura di codici rfid e all’utilizzo di gestionali che ottimizzano tempi e risorse.

Forse la principale resistenza al cambiamento è dovuta al fatto che il cleaning (erroneamente) non viene percepito come un settore professionale e specializzato, quindi molti soggetti non credono valga la pena investire per rinnovare i processi e stare al passo coi tempi, perché tanto “si è sempre fatto così”.

 

Noi di INTRA siamo di tutt’altro avviso. Il nostro obbiettivo è offrire un servizio con procedure standardizzate e dai risultati misurabili, permettendo così al cliente d’avere una percezione chiara e trasparente del valore del suo investimento. Tutto questo non può essere ottenuto con manuali, telefonate, fogli di check-list, ma dev’essere tutto a portata di smartphone. È così che il famoso Facility Management diventa letteralmente l’agevolazione della gestione, permettendo di ridurre il lavoro di back office, uniformando i controlli, rendendo disponibili i dati in tempo reale, facendo analisi sul rendimento che permettono di ottimizzare ogni processo. A beneficiare di questa rivoluzione sono tutti i soggetti coinvolti, dall’operatore delle pulizie che lavora in modo più semplice ed efficace, fino al cliente finale, che ottiene un servizio affidabile e costantemente monitorato.

 

Chi raccoglie questa sfida potrà definire i nuovi standard del cleaning 2.0, INTRA si trova in prima linea per creare un modo completamente nuovo di erogare ed usufruire questo servizio.

LIVE & WORK BETTER